Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Class action - Pubblicata La nuova legge che entrerà in vigore fra un anno

Martedì 14/05/2019, a cura di TuttoCamere.it


E' stata pubblicata, sulla Gazzetta Ufficiale n. 92 del 18 aprile 2019, la Legge 12 aprile 2019, n. 31, recante "Disposizioni in materia di azione di classe" (c.d. class action).

Dopo aver messo in evidenza le criticità dei meccanismi di tutela collettiva fino a questo momento sperimentati nel nostro ordinamento, si traccia un quadro sintetico delle caratteristiche più significative della nuova azione di classe, non più limitata all'ambito consumeristico.

Allorquando, all'inizio del 2010, l'azione di classe aveva fatto il suo effettivo debutto nell'ordinamento italiano, grandi erano gli entusiasmi e le speranze che l'accompagnavano. Ma nello stesso frangente non mancava chi preconizzava un futuro irto di difficoltà per il primo congegno processuale che consentiva di vagliare in forma aggregata le pretese risarcitorie o restitutorie vantate da una pluralità di soggetti (purché ciascuno rivestisse i panni del consumatore) nei confronti di un'impresa.

L'esperienza maturata nel corso degli anni seguenti ha dato ragione alle voci più scettiche. E a ben poco sono serviti i correttivi apportati nel 2012 con il il c.d. decreto liberalizzazioni. I tentativi di innescare la tutela collettiva risarcitoria si sono per lo più infranti contro ostacoli procedimentali di vario genere o, comunque, hanno prodotto risultati di gran lunga al di sotto delle aspettative.

Malgrado qualche segnale di risveglio, testimoniato in particolare dalla pronuncia resa della Corte d'Appello di Milano il 25 agosto 2017 nel caso Trenord, che ha offerto un ristoro a circa tremila vittime dei disservizi nel trasporto ferroviario su alcune tratte lombarde, il bilancio dell'istituto è indubbiamente deficitario. A fronte di molteplici carenze, denunciate con forza da numerosi osservatori, già nella scorsa legislatura si era lavorato per il varo di una riforma radicale delle azioni collettive, estesa anche a quelle inibitorie: un disegno di legge d'iniziativa di alcuni deputati aveva così ottenuto l'assenso della Camera nel 2015, ma il relativo iter non era giunto a compimento. Nell'attuale legislatura si è ripartiti dal punto dove il percorso si era interrotto: un testo che ricalca per grandi linee il progetto precedente è stato approvato da entrambi i rami del Parlamento. Il sì definitivo è arrivato dal Senato, che si è espresso in tal senso a larghissima maggioranza il 3 aprile 2019.

Per la concreta esperibilità dei nuovi rimedi occorrerà però attendere un anno dalla pubblicazione della legge nella Gazzetta Ufficiale, momento che coinciderà con l'entrata in vigore della disciplina. Un differimento così lungo trova giustificazione, per un verso, nell'esigenza di emanare la normativa di attuazione concernente l'elenco delle associazioni e organizzazioni abilitate a innescare le azioni collettive e, per altro verso, nella necessità di adeguamenti tecnici funzionali all'efficace gestione delle procedure. Inoltre, dal momento che la riforma investe le sole condotte illecite poste in essere successivamente al giorno della sua entrata in vigore, non sarà certo repentino il declino dei meccanismi che si intendono superare: per il loro tramite, infatti, dovranno ancora passare le reazioni di matrice collettiva alle condotte lesive poste in essere prima di tale data.

Per un approfondimento dell'argomento e per scaricare il testo della legge clicca qui.

Fonte: https://www.tuttocamere.it
Le ultime news
Venerdì 17/05
Con un comunicato stampa del 15 aprile 2019, il Consiglio Europeo ha reso noto che l'UE sta adeguando...
 
Venerdì 17/05
Il dipendente pubblico che attesti falsamente la propria presenza in servizio, attraverso l'alterazione...
 
Giovedì 16/05
Posto che l'assegno divorzile svolge una funzione sia assistenziale che perequativa e compensativa, e...
 
Giovedì 16/05
Lo scorso 8 maggio il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, ha fornito risposto all'interpello...
 
Mercoledì 15/05
La Corte di Cassazione Civile, Sezioni Unite, con la sentenza n. 11933 del 7 maggio 2019, ha affermato...
 
Martedì 14/05
Il 7 maggio scorso sul sito del Garante per la protezione dei dati personali è stato pubblicato un Avviso...
 
Lunedì 13/05
La Corte di Cassazione, Quarta Sezione Penale, con la sentenza n. 18321 del 3 maggio 2019, ha affermato...
 
Venerdì 10/05
L'articolo 3, paragrafo 2, della direttiva 98/5/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 febbraio...
 
Giovedì 09/05
Cassa Forense, relativamente alla possibilità di accedere a convenzioni per l'erogazione di mutuo per...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330