Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

CNF: ora "modernizziamo la giustizia"

Mercoledì 08/07/2020, a cura di AteneoWeb S.r.l.


"La riproposizione dei temi afferenti ai progetti di riforma del processo civile e penale non può non considerare aspetti e problematiche emersi in tutta evidenza in occasione dell'emergenza sanitaria, i cui effetti ancora incidono sulla tutela inadeguata dei diritti e della giustizia. L'obiettivo perseguito e non più trascurabile del recupero dell'efficienza della giustizia civile invoca la necessità di dover intervenire sulle regole organizzative ancor prima che su quelle dei riti. È, inoltre, doveroso sottolineare come per il Cnf e l'avvocatura tutta, il recupero dell'efficienza del processo non debba e non possa tradursi in un affievolimento della effettività delle tutele e del diritto di difesa, servizio essenziale e costituzionalmente garantito ai cittadini".

Così si è espressa in una nota la presidente del Consiglio nazionale forense, Maria Masi, in merito alla riunione del tavolo ministeriale sulla riforma del processo civile che si è svolto recentemente presso il Ministero dell Giustizia.

"Sul dl, già calendarizzato il Cnf aveva avuto modo di condividere osservazioni e proposte come l'attenzione agli strumenti di risoluzione alternativa delle controversie, la semplificazione dei provvedimenti relativi all'improcedibilità e all'estinzione in appello e l'abrogazione del cosiddetto filtro. Restano le perplessità su alcuni aspetti del progetto di riforma, dalla previsione di un unico rito 'ordinario' davanti al tribunale in composizione monocratica, in quanto soluzione non idonea ad incidere sui tempi di durata del processo e potenziale rischio di compressione degli spazi di garanzia difensiva, al riferimento alla riforma dei procedimenti in camera di consiglio relativa alla sola composizione del tribunale in un settore che andrebbe, al contrario, seriamente rivisto in base all'effettiva natura".

"Conforta la dichiarazione del ministro Bonafede circa la volontà politica del governo di condividere con avvocati e magistrati la realizzazione di proposte tecniche dirette ad una più ampia riforma della giustizia come richiesto da Bruxelles, tenuto conto, peraltro, che Il Consiglio nazionale forense già a inizio giugno aveva assunto una delibera con la quale si impegnava a farsi promotore di un progetto strutturale per la modernizzazione della giustizia in linea con gli obiettivi indicati dalla UE".

Fonte: https://www.consiglionazionaleforense.it
Le ultime news
Ieri
La Giustizia amministrativa ha pubblicato alcune note di precisazione relative al protocollo d'intesa...
 
Ieri
In tema di solidarietà passiva, la sentenza resa tra il creditore e uno dei debitori non è vincolante...
 
Lunedì 03/08
Nelle sedute del 22 e 23 luglio scorsi il Consiglio Superiore della Magistratura ha approvato, su proposta...
 
Lunedì 03/08
Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e la presidente facente funzioni del Consiglio nazionale...
 
Venerdì 31/07
Il 28 luglio è stato sottoscritto un accordo-quadro tra il Ministero della Giustizia e l'ANAC che ha...
 
Venerdì 31/07
Nel procedimento camerale di sorveglianza, costituisce una causa di rinvio dell'udienza il legittimo...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330