Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Divieto di licenziamento: le alternative per i datori di lavoro

Martedì 28/07/2020

a cura di Meli e Associati
Art. 46 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla l. 24 aprile 2020, n. 27, integrato dal D.L. 19 maggio 2020, n. 34.



L'emergenza sanitaria causata dalla diffusione del virus Covid - 19 ha determinato una prevedibile crisi economica per le aziende, che si vedono costrette a gestire i livelli occupazionali dell'organico per fronteggiare le condizioni economiche avverse, ma anche a rispettare i nuovi vincoli imposti dalla normativa che ne limitano il raggio d'azione.

In particolare, con l'art. 46 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18 (c.d. "Cura Italia"), convertito con modificazioni dalla legge 24 aprile 2020, n. 27, integrato in corso d'opera dal D.L. 19 maggio 2020, n. 34 (c.d. "Rilancio"), è stato fatto divieto per i datori di lavoro di licenziare i propri dipendenti per giustificato motivo oggettivo fino al 17 agosto (salvo ulteriori proroghe).
Questa norma, che vuole tutelare i livelli occupazionali e proteggere i lavoratori, ha tuttavia il potenziale di mettere in seria difficoltà le aziende che non sono riuscite a riprendersi dopo il termine del Lockdown.

Illustriamo innanzitutto i tipi di licenziamento che restano esclusi dalla norma ex art. 46:
  • I licenziamenti per ragioni economiche effettuati prima del 17 marzo 2020 e quelli che che saranno perfezionati dopo il 17 agosto 2020 (salvo ulteriori proroghe);
  • I licenziamenti disciplinari (ça va sans dire, rimangono legittimi i licenziamenti successivi a condotte del dipendente talmente gravi da non consentire la prosecuzione del rapporto di lavoro per neanche un giorno);
  • I licenziamenti dei collaboratori domestici, i quali non impongono obbligo di giustificazione dei motivi di licenziamento e possono essere licenziati ad nutum;
  • Il licenziamento economico dei dirigenti;
  • Il licenziamento per mancato superamento del periodo di prova;
  • Il licenziamento per superamento del periodo di comporto;
  • La risoluzione per il completamento del periodo di apprendistato.


Nota: il licenziamento per inidoneità sopravvenuta alla mansione, in quanto compreso nella fattispecie del licenziamento per giustificato motivo oggettivo, è invece compreso nel divieto dell'art. 46 del D.L. n. 18/2020.

Riportiamo di seguito alcune possibilità alternative al licenziamento che i datori di lavoro possono prendere in considerazione per alleviare la situazione di stress economico:
  1. Utilizzo di ammortizzatori sociali per le Aziende che non hanno esaurito l'integrazione salariale "Covid-19": con il Decreto Rilancio, per le aziende che ne hanno diritto, sono state messe a disposizione 18 settimane di integrazione salariale, estese a 27 e 31 per i datori di lavoro operanti nelle cd. "zone gialle" e "zone rosse".
  2. Per le Aziende che hanno esaurito l'integrazione salariale "Covid-19" è possibile ricorso alle prestazioni a sostegno del reddito (es. la cassa integrazione ordinaria) previste dalla normativa generale, qualora sussista disponibilità finanziaria nelle relative gestioni di appartenenza.
  3. Stipula di un contratto di solidarietà: è un accordo, stipulato tra l'azienda e le rappresentanze sindacali, avente ad oggetto la diminuzione dell'orario di lavoro. Esso rappresenta a favore delle aziende rientranti nell'ambito di applicazione della CIGS una valida alternativa al licenziamento collettivo e/o individuale.
  4. La trasformazione del contratto di lavoro da tempo pieno a tempo parziale. Attenzione: il rifiuto del lavoratore di trasformare il proprio rapporto di lavoro a tempo pieno in rapporto a tempo parziale, o viceversa, non costituisce giustificato motivo di licenziamento.
  5. Sospensione unilaterale del rapporto da parte del datore di lavoro: in base agli artt. 1218 e 1256 c.c., è giustificata ed esonera il medesimo datore dall'obbligazione retributiva soltanto quando non sia imputabile a fatto dello stesso, non sia prevedibile ed evitabile e non sia riferibile a carenze di programmazione o di organizzazione aziendale ovvero a contingenti difficoltà di mercato.
  6. Stipula di un contratto di prossimità: è un contratto stipulato assieme alle associazioni sindacali che modifica alcuni elementi della contrattazione applicata ai lavoratori, tra i cui scopi vi sono anche quelli di mantenere i livelli occupazionali e gestire le crisi aziendali.
Le ultime news
Ieri
La Giustizia amministrativa ha pubblicato alcune note di precisazione relative al protocollo d'intesa...
 
Ieri
In tema di solidarietà passiva, la sentenza resa tra il creditore e uno dei debitori non è vincolante...
 
Lunedì 03/08
Nelle sedute del 22 e 23 luglio scorsi il Consiglio Superiore della Magistratura ha approvato, su proposta...
 
Lunedì 03/08
Il ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede, e la presidente facente funzioni del Consiglio nazionale...
 
Venerdì 31/07
Il 28 luglio è stato sottoscritto un accordo-quadro tra il Ministero della Giustizia e l'ANAC che ha...
 
Venerdì 31/07
Nel procedimento camerale di sorveglianza, costituisce una causa di rinvio dell'udienza il legittimo...
 
Giovedì 30/07
Sul sito internet di Cassa Forense è attiva, dal 20 luglio scorso, la procedura di invio del modello...
 
Mercoledì 29/07
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 187 del 27 luglio 2020 è stata pubblicata l'Ordinanza 24 luglio 2020 del...
 
Mercoledì 29/07
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 187 del 27-07-2020 è stato pubblicato il Decreto 9 giugno 2020, n. 80 del...
 
Lunedì 27/07
Sulla Gazzetta Ufficiale 1a Serie Speciale - Corte Costituzionale n. 30 del 22-7-2020, è stata pubblicata...
 
Venerdì 24/07
Con la Sentenza n. 156/2020 del 21 luglio 2020 la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità...
 
Venerdì 24/07
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 180 del 18 luglio 2020 è stata pubblicata la Legge 17 luglio 2020 n. 77,...
 
Giovedì 23/07
Cassa Forense informa che la compilazione web del modello 5, si effettua tramite il sito www.cassaforense...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330