Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

La cessione dei crediti deteriorati: l'opportunità del credito d'imposta

Martedì 06/10/2020

a cura di Meli e Associati


Il cosiddetto Decreto Cura Italia, D.L 17 marzo 2020, n. 18, convertito con modificazioni dalla L 24 aprile 2020, n.27, all'art. 55 disciplina il credito d'imposta per le società che cedono i propri crediti deteriorati vantati nei confronti di debitori inadempienti.

Il fine della norma è quello di fornire alle società un beneficio finanziario per sostenerle sotto il profilo della liquidità.

E' previsto che "qualora una società ceda a titolo oneroso, entro il 31 dicembre 2020, crediti pecuniari vantati nei confronti di debitori inadempienti a norma del comma 5, può trasformare in credito d'imposta le attività per imposte anticipate riferite ai seguenti componenti: perdite fiscali non ancora computate in diminuzione del reddito imponibile [...]".

L'agevolazione, già prevista per le imprese del Mezzogiorno, è stata quindi ampliata a tutto il territorio nazionale.

I crediti deteriorati oggetto dell'incentivo possono essere sia di natura commerciale sia di finanziamento.

La disposizione permette di trasformare in credito d'imposta una quota di attività per imposte anticipate (DTA) riferite a determinati componenti, per un ammontare proporzionale al valore dei crediti deteriorati che vengono ceduti a terzi. L'intervento consente alle imprese di anticipare l'utilizzo come crediti d'imposta, di tali importi, di cui altrimenti avrebbero usufruito in anni successivi, determinando nell'immediato una riduzione del carico fiscale. Ciò consente di ridurre il fabbisogno di liquidità connesso con il versamento di imposte e contributi, aumentando così la disponibilità di cassa in un periodo di crisi economica e finanziaria connessa con l'emergenza sanitaria.

Quindi le società che cedono a titolo oneroso, entro il 31 dicembre 2020, crediti pecuniari vantati nei confronti di debitori inadempienti, intesi come coloro che non hanno effettuato il pagamento per oltre novanta giorni dalla data in cui era dovuto, possono trasformare in credito d'imposta una quota di DTA riferite ai seguenti componenti:
  • perdite fiscali non ancora computate in diminuzione del reddito imponibile ai sensi dell'art. 84 TUIR, alla data della cessione;
  • importo del rendimento nozionale eccedente il reddito complessivo netto di cui all'art. 1 c. 4 DL 201/2011 conv. in L. 214/2011, non ancora dedotto né fruito tramite credito d'imposta alla data della cessione.


La quota massima di DTA trasformabili in credito d'imposta è determinata in funzione dell'ammontare massimo di componenti cui esse si riferiscono. Viene posto un limite ai componenti che possono generare DTA trasformabili, pari al 20% del valore nominale dei crediti ceduti. Allo stesso tempo, è posto un limite di 2 miliardi di euro di valore nominale ai crediti complessivamente ceduti entro il 31 dicembre 2020, che rilevano ai fini della trasformazione. Per i soggetti appartenenti a gruppi, il limite si intende calcolato tenendo conto di tutte le cessioni effettuate da soggetti appartenenti allo stesso gruppo.

Ad esempio, se una società cede crediti per 50.000 euro, potrà applicare l'agevolazione al massimo ad una quota di DTA pari al 20% e quindi 10.000 euro, a cui si applica l'aliquota IRES del 24%, ottenendo quindi un credito d'imposta pari a 2.400 euro. La trasformazione in credito d'imposta può avere luogo anche se le DTA non sono state iscritte in bilancio.

La trasformazione in credito d'imposta avviene alla data di efficacia della cessione dei crediti e può avvenire anche se le DTA non sono state iscritte in bilancio (purché siano riferibili ai componenti indicati dalla norma, non ancora dedotti o usufruiti alla data della cessione dei crediti).

Per effetto dell'agevolazione:

a) non sono computabili in diminuzione dei redditi imponibili le perdite di cui all'art. 84 TUIR, relative alle attività per imposte anticipate complessivamente trasformabili in credito d'imposta ai sensi del presente articolo;

b) non sono deducibili né fruibili tramite credito d'imposta le eccedenze del rendimento nozionale rispetto al reddito complessivo di cui all'art. 1 c. 4 DL 201/2011 conv. in L. 214/2011, relative alle attività per imposte anticipate complessivamente trasformabili in credito d'imposta ai sensi del presente articolo.

La disposizione non si applica:

a) a società per le quali sia stato accertato lo stato di dissesto o il rischio di dissesto ai sensi dell'art. 17 D.Lgs. 180/2015;

b) alle cessioni di crediti tra società che sono tra loro legate da rapporti di controllo ai sensi dell'art. 2359 c.c. e alle società controllate, anche indirettamente, dallo stesso soggetto.

I termini per poter usufruire di un maggior credito d'imposta sono fissati al 31 dicembre 2020.
Le ultime news
Oggi
La Corte di Cassazione con l'ordinanza n. 23549 del 27.10.2020 chiarisce quali siano le diverse modalità...
 
Ieri
Con l'ordinanza n. 23468 del 26.10.2020 la Corte di Cassazione dichiara infondato il ricorso del contribuente...
 
Martedì 27/10
Nella seduca del 15 ottobre 2020 il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense, a seguito delle richieste...
 
Martedì 27/10
E' entrato in vigore il 22 ottobre il Decreto Legge che reca disposizioni urgenti in materia di immigrazione,...
 
Lunedì 26/10
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 261 del 21-10-2020 è stata pubblicata la Legge Costituzionale 19 ottobre...
 
Lunedì 26/10
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato i dati sul Processo civile telematico nei primi sei anni di...
 
Lunedì 26/10
La Corte di Cassazione con la sentenza n. 23157 del 22.10.2020 interviene su un'ipotesi tutt'altro che...
 
Venerdì 23/10
Con l'ordinanza n. 23004 del 21.10.2020 la Corte di Cassazione ribadisce che il ricorso che si limita...
 
Giovedì 22/10
La notifica della cartella di pagamento può avvenire, indifferentemente, sia allegando al messaggio...
 
Giovedì 22/10
In tema di assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali, non sussiste l'obbligo assicurativo...
 
Mercoledì 21/10
Con l'Ordinanza n. 22219 del 14 ottobre 2020 la Corte di Cassazione, Sezione Lavoro, ha dichiarato legittima...
 
Lunedì 19/10
Il prossimo 26 ottobre si avvierà la fase sperimentale del Processo civile telematico in Cassazione...
 
Lunedì 19/10
Con l'ordinanza n. 22420 del 15.10.2020 la Corte di Cassazione torna ad occuparsi dei vizi nelle notifiche...
 
Venerdì 16/10
Cassa Forense informa che, a partire dal 13 ottobre, sono disponibili i seguenti bollettini MAV: ...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330