Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Licenziamento - gruppo di imprese e obbligo di repechage

Mercoledì 10/04/2019

a cura di Studio Dott.ssa Giorgia Signaroldi


La Corte di Cassazione (Sentenza sez. lavoro del 13 novembre 2019 n° 29179) ha affrontato il tema dell'obbligo del datore di lavoro di valutare la possibilità di ricollocazione del dipendente preliminarmente alla decisione di procedere con il licenziamento per giustificato motivo oggettivo.

Nel caso specifico della sentenza ci si riferisce ad un datore di lavoro facente parte di un gruppo di imprese (alcune delle quali all'estero) e consente quindi di delineare i limiti dell'obbligo di repechage. In particolare, il lavoratore sosteneva che l'azienda non avesse correttamente adempiuto al preliminare obbligo di valutare la possibilità della sua ricollocazione anche in altre aziende facenti parte del medesimo gruppo, oltre al mancato rispetto dell'obbligo di correttezza e buona fede nell'individuazione del lavoratore da licenziare.

Il giudice di primo grado e la Corte di Appello respingevano le domande del lavoratore che proponeva, quindi, ricorso in Cassazione. Nel licenziamento per giustificato motivo oggettivo il datore di lavoro non è onerato del solo obbligo di provare la sussistenza in concreto delle ragioni di fatto che lo hanno indotto a risolvere il rapporto di lavoro, ma è tenuto anche a provare che non sussiste all'interno della propria struttura la possibilità di ricollocare il lavoratore adibendolo ad altre mansioni.
Con riferimento all'arco temporale, la verifica deve essere compiuta tenendo conto della situazione organizzativa esistente al momento del licenziamento ma l'onere probatorio può essere esteso sino a ricomprendere un congruo periodo successivo al licenziamento per verificare che non vi siano state nuove assunzioni nella stessa qualifica del lavoratore licenziato.

In riferimento all'ampiezza dell'ambito di valutazione, è stato osservato che la verifica dell'impossibilità nella ricollocazione deve riguardare non solo il reparto o la sede alla quale il lavoratore era addetto, bensì l'intera azienda. Nell'ipotesi di società strutturate come "gruppo di imprese", la verifica va estesa alle altre società del gruppo solo se ci si trovi in presenza di un unico centro di imputazione dei rapporti giuridici, che si concreta nel fatto che varie imprese sono solo formalmente separate ma, nei fatti, costituiscono un unico soggetto beneficiario della prestazione lavorativa.

La Corte ha precisato che l'accertamento per verificare l'esistenza di un unico centro di imputazione deve rivelare l'esistenza dei seguenti requisiti:


a) unicità della struttura organizzativa e produttiva;
b) integrazione tra le attività esercitate dalle varie imprese del gruppo e il correlativo interesse comune;
c) coordinamento tecnico e amministrativo-finanziario tale da individuare un unico soggetto direttivo che faccia confluire le diverse attività delle singole imprese verso uno scopo comune;
d) utilizzazione contemporanea della prestazione lavorativa da parte delle varie società titolari delle distinte imprese.


Laddove si sia in presenza di un unico soggetto, allora l'obbligo di repechage deve essere assolto con riferimento a tutte le suddette imprese. In caso contrario, la Corte afferma con chiarezza che l'ambito di valutazione è circoscritto all'azienda datrice di lavoro, anche se facente parte di un gruppo composto da più società. La Corte ha inoltre ribadito il principio secondo il quale il datore di lavoro è chiamato ad effettuare la scelta dei lavoratori da licenziare in applicazione di criteri improntati alla razionalità e rispettosi dei canoni di correttezza e buona fede.

Anche con riferimento alla ripartizione dell'onere della prova, la sentenza cristallizza il principio in forza del quale detto onere, relativo all'esperimento infruttuoso del tentativo di repechage, grava integralmente sul datore di lavoro, senza che il lavoratore sia gravato di un onere di allegazione relativo all'esistenza di posizioni lavorative alle quali egli avrebbe potuto essere adibito. Al contrario nel caso di imprese strutturate come facenti parte di un gruppo, la prova dell'esistenza di un unico centro di imputazione dei rapporti giuridici rappresenta un onere esclusivo del lavoratore.
Le ultime news
Oggi
L'Agenzia per l'Italia digitale informa che sono disponibili in consultazione pubblica, fino al 16 novembre,...
 
Ieri
Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione, con sentenza n. 22714 dell'11 settembre 2019, hanno...
 
Lunedì 21/10
Il prossimo 27 ottobre entra in vigore il Regolamento per la tenuta e l'aggiornamento dell'elenco unico...
 
Lunedì 21/10
E' partito il 16 ottobre il corso di formazione online gratuita sui temi della protezione dei dati, con...
 
Venerdì 18/10
Con la sentenza n. 24210 del 30 settembre 2019 la Corte di Cassazione, III Sezione Civile, ha affermato...
 
Giovedì 17/10
Il 7 ottobre scorso è stata presentata, presso il Ministero per i beni e le attività culturali e per...
 
Giovedì 17/10
L'Istat ha pubblicato i dati dell'economia non osservata (sommersa e da attività illegali) che, nell'anno...
 
Venerdì 11/10
Il Consiglio Nazionale Forense, nella sentenza n. 224 del 28 dicembre 2018, ha affermato il principio...
 
Giovedì 10/10
Dopo una lunga istruttoria, l'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) - con Delibera n. 782 del 4 settembre...
 
Martedì 08/10
Il decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116 ha esteso la tutela previdenziale assistenziale obbligatoria...
 
Martedì 08/10
Vista l'imminente entrata in vigore della norma che di fatto abroga la prescrizione del reato dopo la...
 
Lunedì 07/10
Il D.Lgs. 546/1992 (art. 16 bis) prevede che le parti processuali ricevono le comunicazioni inerenti...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330