Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Mercato del lavoro, perché in ottobre sono aumentati sia gli occupati che i disoccupati

Lunedì 06/12/2021

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Il mercato del lavoro continua il suo percorso di recupero verso i livelli pre-crisi con un altro mese di aumento del numero degli occupati. Lo ha comunicato Istat nel suo aggiornamento del mercato del lavoro di ottobre, nel quale viene registrato un aumento dell'occupazione e contemporaneamente della disoccupazione.

Passando ai numeri veri e propri, nel mese di ottobre il numero di occupati è aumentato di 35mila unità. Una salita dello 0,2% rispetto a settembre che ha portato il tasso di occupazione al 58,6%. All'aumento del numero degli occupati è però comunque corrisposto un aumento dei disoccupati, saliti di 51mila unità rispetto a settembre (+2,2%), una correzione che ha portato il tasso di disoccupazione complessivo al 9,4%. Questi due dati sono apparentemente uno antitesi dell'altro. In realtà si tratta di una situazione ricorrente in fasi particolari del mercato del lavoro, come è quella della seconda metà del 2021.

Da una parte gli occupati sono coloro che "hanno svolto almeno un'ora di lavoro a fini di retribuzione o di profitto" (oltre ad altri casi complementari). Si tratta cioè di coloro che al momento dell'indagine hanno un lavoro. I disoccupati non sono semplicemente "coloro che non hanno un lavoro", bensì coloro che "hanno effettuato almeno un'azione attiva di ricerca di lavoro nelle quattro settimane che precedono la settimana di riferimento e sono disponibili a lavorare". Tradotto, i disoccupati sono coloro che non hanno una occupazione ma la stanno cercando attivamente.

Nel mese di ottobre i disoccupati sono aumentati comunque perché il mercato del lavoro non è riuscito ad assorbire tutti coloro che da "inattivi" sono passati ad essere "disoccupati". Il numero degli inattivi, ovvero l'insieme di chi non ha un lavoro e non lo sta cercando, si è ridotto di 79mila unità. Parte di questi ha trovato un impiego mentre un'altra parte no, passando all'insieme dei disoccupati. Accade così che nonostante l'aumento degli occupati i disoccupati aumentino: semplicemente l'offerta di lavoratori è cresciuta più della domanda dei datori di lavoro.

Il mercato del lavoro italiano si trova così di fronte ad un altro mese di "normalizzazione", con un ritorno alla ricerca attiva. L'aumento degli occupati, pur essendo una notizia positiva per l'andamento dell'economia italiana, nasconde però alcuni particolari da sottolineare.

Anzitutto l'aumento degli occupati ha riguardato soltanto i lavoratori maschi, aumentati di 36mila unità contro l'aumento nullo delle femmine. L'aumento si è inoltre concentrato nella categoria dei più giovani, dalla quale provengono 38mila nuovi occupati (in discesa invece la fascia 25-24 anni con -2mila e quella 35-49 anni con -9mila). Sulla tipologia si conferma la spinta del lavoro dipendente. I dipendenti sono aumentati di 44mila unità, 25mila permanenti e 20mila a termine. Ancora una volta in discesa il numero degli indipendenti (autonomi), 9mila in meno nel mese di ottobre. Quest'ultima categoria rispetto allo stesso mese del 2020 registra una riduzione di 132mila unità. Spicca invece l'incremento dell'occupazione a tempo determinato (+384mila unità con +14,3% su base annua). Ad ottobre il numero degli occupati torna vicino alla soglia dei 23 milioni (22,985 milioni), ancora lontano dai 23,238 milioni di febbraio 2020.

Il commento dell'Istat: "Nel mese di ottobre prosegue la crescita dell'occupazione osservata a settembre, con un aumento in due mesi di oltre 140 mila occupati; rispetto a gennaio 2021, l'incremento supera i 600 mila occupati ed è dovuto esclusivamente alla ripresa del lavoro dipendente. Il tasso di occupazione è più elevato di 1,8 punti percentuali. Rispetto ai livelli pre-pandemia (febbraio 2020) il numero di occupati è inferiore di quasi 200 mila unità; il tasso di occupazione, pari al 58,6%, è più basso di 0,1 punti, quello di disoccupazione è sceso dal 9,7% al 9,4%, mentre il tasso di inattività, ora al 35,2%, è superiore di 0,4 punti".
Le ultime news
Oggi
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato sul proprio sito internet il Decreto Ministeriale 11 gennaio...
 
Venerdì 14/01
La Corte Costituzionale, riunita in camera di consiglio l’11 gennaio 2022, si è espressa...
 
Giovedì 13/01
A partire dal 10 gennaio gli iscritti di Cassa Forense potranno inoltrare la domanda di pensione diretta...
 
Giovedì 13/01
"Nei giudizi di risarcimento del danno da responsabilità medica, è onere del paziente...
 
Mercoledì 12/01
Il 3 gennaio è stata pubblicata la Raccolta mensile delle Ordinanze Interlocutorie civili e penali...
 
Mercoledì 12/01
La Direzione Generale per il Coordinamento delle politiche di coesione del ministero della Giustizia,...
 
Martedì 11/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 3 del 5 gennaio 2022 è stato pubblicato il decreto con le regole tecniche...
 
Venerdì 24/12/2021
Parte con l'inizio del prossimo anno la riorganizzazione dell'Avvocatura dello Stato.  Sulla Gazzetta...
 
Giovedì 23/12/2021
Il Consiglio di Amministrazione di Cassa Forense, nella seduta del 16 dicembre, ha stanziato oltre due...
 
Martedì 21/12/2021
Con la firma al protocollo d'intesa tra il Ministero della Giustizia, l’Agia e Bambinisenzasbarre...
 
Lunedì 20/12/2021
E' consentito all'assemblea, nell'ambito del potere di regolamentazione dell'uso delle...
 
Lunedì 20/12/2021
Le operazioni di chirurgia estetica ed i trattamenti di carattere estetico, se hanno lo scopo di trattare...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330