Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Novembre nero per commercio e industria: la recessione torna a palesarsi (anche) nelle statistiche

Mercoledì 13/01/2021

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Nel penultimo mese dell'anno l'economia italiana torna a subire anche a livello di statistiche la crisi economica legata alla pandemia e alle misure di contenimento del contagio. Secondo le rilevazioni Istat soffrono infatti sia il commercio al dettaglio sia la produzione industriale, rispettivamente in calo del 6,9% e dell'1,4% nel confronto con ottobre 2020, con bilanci ancor più pesanti rispetto a novembre 2019.

A novembre 2020 il commercio al dettaglio ha accusato una nuova - drammatica - battuta d'arresto. L'esplosione della seconda ondata della pandemia di Covid-19 e la connessa introduzione di nuove misure di contenimento del virus hanno inevitabilmente colpito il settore delle vendite. Nel penultimo mese dell'anno quest'ultime sono state il 6,9% in meno rispetto a quelle di ottobre. Una caduta che va a peggiorare il bilancio tendenziale a distanza di un anno: le vendite di novembre 2020 sono state l'8,1% in meno rispetto a quelle di novembre 2019. Il crollo del commercio al dettaglio prende forma principalmente per quanto riguarda la categoria dei beni non alimentari, quelli colpiti direttamente dalle disposizioni del legislatore. Se infatti il valore delle vendite dei beni alimentari è cresciuto dell'1% nello stesso mese, le vendite dei beni non alimentari sono crollate del 13,2% rispetto ad ottobre. Quest'ultima caduta si sostanzia in un -15,1% se confrontato con novembre 2019. La caduta delle vendite si presenta ancor più eterogenea una volta scomposta per forma distributiva. La grande distribuzione accusa un -8,3% rispetto a novembre 2019, con un +2,5% per gli alimentari e un pesantissimo -25,7% nel settore non alimentare. Le imprese operanti su piccole superfici perdono il 12,5% (+3,2% alimentare e -16,9% non alimentare) e le vendite fuori dai negozi il 14,3%. Sorride ancora una volta il commercio elettronico, che tra novembre 2019 e novembre 2020 ha guadagnato il 50,2% delle vendite (grazie a distanziamento sociale, provvedimenti di contenimento del contagio, e altri fattori favorevoli). Nella grande distribuzione accusano gli effetti della seconda ondata principalmente gli esercizi specializzati con un -36% su anno. Dal punto di vista occupazionale preoccupa l'impatto sui piccoli esercizi fino a 5 addetti con un -9,5% rispetto a novembre 2019. Non che realtà a livello dimensionale superiore non subiscano comunque la crisi: dai 6 ai 49 addetti la perdita è del 5,8% mentre per gli esercizi oltre i 50 addetti la discesa dell'8,6%. Le uniche categorie di prodotti in crescita sono le dotazioni per informatica, telecomunicazioni e telefonia (+28,7%) e l'utensileria per la casa e ferramenta (+2%). In fondo alla classifica con cadute in termini di vendite assolutamente straordinarie le calzature e articoli da viaggio con -45,8%, l'abbigliamento con -37,7% e i giocattoli e prodotti sportivi con -22,9%. La caduta delle vendite si presenta più contenuta ma comunque drammatica per il resto delle tipologie di prodotti.

Mercoledì 13 gennaio Istat ha comunicato anche i dati sulla produzione industriale di novembre 2020, anch'essi caratterizzati da un generalizzato segno meno. Nel penultimo mese dell'anno l'indice della produzione è diminuito dell'1,4% rispetto ad ottobre. Sebbene la produzione industriale sia cresciuta del 2,1% nel trimestre settembre-novembre, il dato tendenziale segna ancora -4,2%: la produzione industriale è lontana dai livelli di novembre 2019. Per quanto riguarda le componenti dell'indice della produzione si registra una caduta per i beni di consumo (-4,0%), per l'energia (-3,6%) e i beni strumentali (-0,6%). Crescono solo i beni intermedi (+0,2%). "Nel confronto con febbraio 2020, mese antecedente all'esplosione della crisi pandemica, l'indice destagionalizzato è inferiore del 3,5%", commenta Istat testimoniando la complicata congiuntura dell'economia italiana. Il rimbalzo registrato a partire dalla primavera sembra infatti aver esaurito la propria spinta propulsiva in seguito alla seconda ondata della pandemia ma anche per gli effetti del crollo durante la prima ondata, che gli analisti avevano previsto non sarebbe stata indolore o integralmente rimarginata (a "V"). I settori che soffrono maggiormente sono il tessile (-26,7% rispetto a novembre 2019), coke e prodotti petroliferi (-18,3%), prodotti farmaceutici (-8,2%) e la fabbricazione di macchinari e attrezzature (-6,8%).
Le ultime news
Venerdì 15/01
La nozione di pari uso della cosa comune, cui fa riferimento l'art. 1102 del Codice Civile, seppur...
 
Giovedì 14/01
Con l'Ordinanza n. 28 del 7 gennaio 2021 la Corte di Cassazione, VI Sezione Civile, ha chiarito che l'accertamento...
 
Mercoledì 13/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 232 del 31-12-2020 è stato pubblicato il Decreto 31 dicembre 2020...
 
Mercoledì 13/01
Sul sito internet della Giustizia Tributaria sono state pubblicate le statistiche sull’invio delle...
 
Lunedì 11/01
La Legge di bilancio 2021 (commi 1015-1022) prevede, nel processo penale, che all'imputato assolto con...
 
Venerdì 08/01
Dal 1° gennaio 2021 è  in vigore il Regolamento Unico della Previdenza Forense, deliberato...
 
Venerdì 08/01
Differenza tra onere di motivazione e onere della prova a carico dell’Agenzia delle Entrate. Il...
 
Martedì 22/12/2020
L’ordinanza n. 29076 del 18.12.2020 si occupa di un caso abbastanza curioso. Il ricorrente aveva...
 
Lunedì 21/12/2020
Cassa Forense fa sapere che anche gli Avvocati, dal 2021, potranno utilizzare i crediti vantati nei confronti...
 
Venerdì 18/12/2020
Il Ministero della Giustizia comunica che è attivo il portale informatico per raccogliere le segnalazioni...
 
Giovedì 17/12/2020
Con la sentenza n. 27955 del 7 dicembre 2020 la Corte di Cassazione, Terza Sezione Civile, ha chiarito...
 
Giovedì 17/12/2020
Le Sezioni Unite con la sentenza n. 28709 del 16/12/2020 a risoluzione di contrasto su questione di massima...
 
Mercoledì 16/12/2020
L'Ufficio Stampa della Corte costituzionale comunica i nuovi indirizzi di Posta elettronica certificata...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330