Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Nuove definizioni di "default" e "obbligazione rilevante" in ambito bancario - Cambiamenti e risorse utili

Giovedì 07/01/2021

a cura di Dott. Gianmaria Vianova


Il 1° gennaio 2021 è scattato il termine ultimo per l'adeguamento dell'applicazione della definizione di default da parte degli istituti bancari. Sono infatti entrate in vigore le nuove norme contenute nel regolamento delegato (UE) 2018/171 della Commissione europea che disciplinano, in maniera più stringente rispetto a quelle precedenti, l'applicazione della definizione di "default" per le esposizioni dei clienti. Le nuove regole cambiano la metodologia con cui gli istituti bancari dovranno classificare i propri debitori e, quindi, calcolare i requisiti patrimoniali minimi obbligatori. La disciplina prudenziale riguardo la classificazione di "default" rimane in linea di base la medesima, ovvero deve ricorrere almeno una delle seguenti condizioni: debitore in arretrato da oltre 90 giorni nel pagamento di una obbligazione rilevante; la banca giudica improbabile che senza il ricorso ad azioni quali l'escussione delle garanzie il debitore adempia integralmente alla sua obbligazione. La nuova disciplina, cui scadenza per l'adeguamento era appunto il 1° gennaio 2021, va a modificare la definizione di "obbligazione rilevante", cardine della prima delle due condizioni che possono condurre alla classificazione di "default". Il nuovo regolamento stabilisce che una esposizione creditizia scaduta va considerata "rilevante" quando l'ammontare dell'arretrato supera ENTRAMBE le seguenti soglie: i) 100 euro per le esposizioni al dettaglio e 500 euro per le esposizioni diverse da quelle al dettaglio (soglia assoluta) ii) l'1 per cento dell'esposizione complessiva verso una controparte (soglia relativa). Nel caso in cui entrambe queste due soglie vengano superate scatta il conteggio dei 90 giorni consecutivi di scaduto: superati i 90 giorni di scaduto il debitore è classificato in stato di default. Importante: il nuovo regolamento elimina la possibilità di compensare gli importi scaduti con le linee di credito aperte e non utilizzate (i margini disponibili).

Banca d'Italia sottolinea come un debitore classificato a default sulla base della nuova definizione non sia classificato automaticamente anche a sofferenza nella Centrale dei Rischi: "La definizione di "sofferenze" non viene toccata dalle nuove regole europee sul default. Gli intermediari segnalano un cliente "in sofferenza" solo quando ritengono che abbia gravi difficoltà, non temporanee, a restituire il suo debito. La classificazione presuppone che l'intermediario abbia condotto una valutazione della situazione finanziaria complessiva del cliente e non si sia basato solo su singoli eventi, quali ad esempio uno o più ritardi nel pagamento del debito", spiega Banca d'Italia. Una delle innovazioni portate dal regolamento, tuttavia, è l'uniformazione della classificazione "a sofferenza" a tutti gli intermediari che fanno parte dello stesso gruppo bancario o finanziario: "se un cliente è affidato da più intermediari dello stesso gruppo, la classificazione a sofferenza dovrà considerare tutte le informazioni - positive e negative - che lo riguardano disponibili all'interno del gruppo stesso". Il nuovo regolamento, inoltre, non vieta di per sé lo sconfinamento sul conto corrente: le banche potranno continuare a consentire ai clienti utilizzi del conto, anche per il pagamento delle utenze o degli stipendi, che comportino uno sconfinamento. Si tratta tuttavia di una scelta discrezionale della banca, che può consentire oppure rifiutare lo sconfinamento. È quindi importante conoscere bene il contratto stipulato con la propria banca e dialogare con essa", spiega Banca d'Italia. Di seguito vengono proposti i link ad alcune risorse utili per la comprensione della nuova normativa.
Le ultime news
Venerdì 15/01
La nozione di pari uso della cosa comune, cui fa riferimento l'art. 1102 del Codice Civile, seppur...
 
Giovedì 14/01
Con l'Ordinanza n. 28 del 7 gennaio 2021 la Corte di Cassazione, VI Sezione Civile, ha chiarito che l'accertamento...
 
Mercoledì 13/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 232 del 31-12-2020 è stato pubblicato il Decreto 31 dicembre 2020...
 
Mercoledì 13/01
Sul sito internet della Giustizia Tributaria sono state pubblicate le statistiche sull’invio delle...
 
Lunedì 11/01
La Legge di bilancio 2021 (commi 1015-1022) prevede, nel processo penale, che all'imputato assolto con...
 
Venerdì 08/01
Dal 1° gennaio 2021 è  in vigore il Regolamento Unico della Previdenza Forense, deliberato...
 
Venerdì 08/01
Differenza tra onere di motivazione e onere della prova a carico dell’Agenzia delle Entrate. Il...
 
Martedì 22/12/2020
L’ordinanza n. 29076 del 18.12.2020 si occupa di un caso abbastanza curioso. Il ricorrente aveva...
 
Lunedì 21/12/2020
Cassa Forense fa sapere che anche gli Avvocati, dal 2021, potranno utilizzare i crediti vantati nei confronti...
 
Venerdì 18/12/2020
Il Ministero della Giustizia comunica che è attivo il portale informatico per raccogliere le segnalazioni...
 
Giovedì 17/12/2020
Con la sentenza n. 27955 del 7 dicembre 2020 la Corte di Cassazione, Terza Sezione Civile, ha chiarito...
 
Giovedì 17/12/2020
Le Sezioni Unite con la sentenza n. 28709 del 16/12/2020 a risoluzione di contrasto su questione di massima...
 
Mercoledì 16/12/2020
L'Ufficio Stampa della Corte costituzionale comunica i nuovi indirizzi di Posta elettronica certificata...
 
Martedì 15/12/2020
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 308 del 12-12-2020 è stato pubblicato il decreto 1 ottobre 2020 n...
 
Martedì 15/12/2020
Il comma 4 dell'art. 155 c.p.c., diretto a prorogare al primo giorno non festivo il termine che scada...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330