Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Pirati della strada. Cosa fare se si resta coinvolti in un incidente con veicolo in fuga

Mercoledì 21/02/2018

a cura di ADUC - Associazione per i diritti degli utenti e consumatori
Essere coinvolti in un incidente con un veicolo ignoto o che si dilegua dopo il sinistro è una brutta disavventura, ma esistono forme di tutela dell'utente della strada incolpevole.



Per prima cosa chiariamo un punto: fermarsi in caso di sinistro è obbligatorio. L'art. 189, comma 1, del Codice della Strada, infatti chiarisce che "l'utente della strada, in caso di incidente comunque ricollegabile al suo comportamento, ha l'obbligo di fermarsi e di prestare l'assistenza occorrente a coloro che, eventualmente, abbiano subito danno alla persona". I successivi commi 5 e 6 specificano le sanzioni, amministrativa in caso di incidente con soli danni alle cose e penale in caso di incidente con danni alle persone.
La fuga, per di più, costituisce specifica aggravante dei delitti di omicidio stradale e lesioni personali gravi o gravissime stradali (589 bis e ter e 590 bis e ter del Codice Penale).

Ma cosa deve fare l'utente della strada vittima dell'incidente se comunque il veicolo che ha causato si desse alla fuga?
Per garantire tutela anche alle vittime di veicoli pirata la Legge 990/1969 ha istituito il fondo di garanzia per le vittime della strada (FGVS). Il Fondo, gestito dalla CONSAP (una società a capitale pubblico) e operativamente amministrato da compagnie di assicurazione designate dall'IVASS, risarcisce i danni alla persona e, in casi particolarmente gravi, anche alle cose, delle vittime di sinistri causati da veicoli pirata o non assicurati, garantendo protezione all'infortunato incolpevole.

Purtroppo la procedura per ottenere il giusto risarcimento non è agevole, e piena di insidie: il Fondo, infatti, non è una "'assicurazione del pirata della strada" e opera secondo logiche molto stringenti.

Per prima cosa, dunque, se siete rimasti vittima di un incidente con un veicolo pirata, dovete allertare i soccorsi: forze dell'ordine (per gli opportuni rilievi) e sanitari (per la refertazione delle lesioni subite).
Chiamate dunque la polizia e recatevi quanto prima al pronto soccorso, in questo modo verranno operati i corretti rilievi del luogo e delle circostanze del sinistro, e verranno ben documentate le lesioni che avete subito.
Altresì fondamentale è l'identificazione di ogni possibile testimone.
Il Fondo, infatti, esige una documentazione molto stringente per dar luogo alle procedure di risarcimento e la vostra dichiarazione non sarà sufficiente: occorrerà documentare tutto in modo appropriato e completo.

Altra cosa essenziale da fare è informare immediatamente, e non oltre tre giorni, la CONSAP e la compagnia designata per il territorio in cui è avvenuto il sinistro dell'avvenimento in modo che sia aperta una posizione e nominato un liquidatore con cui interfacciarvi.

Ma non basta: il Fondo esige che vi sia stato un tentativo di identificazione del veicolo pirata. Ciò non significa, naturalmente, che dobbiate mettervi a svolgere delle indagini. Sarà sufficiente la querela alla competente autorità, che provvederà poi a svolgere tutte le indagini necessarie.
La querela può essere presentata personalmente o tramite un avvocato, alla Procura della Repubblica o a un ufficiale di polizia giudiziaria presso un commissariato di polizia, un comando stazione dei carabinieri e perfino al comando di polizia municipale.
Se optate per presentarla personalmente, potete anche farlo oralmente all'ufficiale di polizia giudiziaria, che provvederà a redigere un verbale e consegnarvene una copia.
Comunque la querela dimostrerà la vostra diligenza ma non l'esistenza del sinistro, che andrà provata tramite testimoni o almeno con i verbali di intervento delle forze dell'ordine, che potrete richiedere all'ufficio incidenti del comando intervenuto (previa autorizzazione del Pubblico Ministero se vi fosse un'informativa di reato).

Presentata la querela e raccolta tutta la documentazione, medica e legale, potrete inoltrare al Fondo, tramite la compagnia designata per la Regione in cui si è verificato il sinistro, la domanda di risarcimento. Il Fondo provvederà a verificare che abbiate diritto e a quantificare il risarcimento mediante i necessari accertamenti medici legali.
Ricevuta la richiesta di risarcimento, il Fondo dovrà farvi un'offerta di risarcimento entro tempi ben definiti. Qualora il Fondo non presentasse alcuna offerta (ad esempio perché non ritenesse esistente il sinistro) o riteneste di non accettarla, non vi resterà che agire giudizialmente per la tutela dei vostri diritti.

Tutte le pratiche necessarie possono essere svolte personalmente, tenendo presente che se decidete di rivolgervi ad un legale, le sue competenze saranno onorate dal Fondo stesso.

L'elenco delle compagnie incaricate per territorio è disponibile a questo link.

di Marco Biagioli

Fonte: https://www.aduc.it
Le ultime news
Oggi
L'Agenzia per l'Italia digitale informa che sono disponibili in consultazione pubblica, fino al 16 novembre,...
 
Ieri
Le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione, con sentenza n. 22714 dell'11 settembre 2019, hanno...
 
Lunedì 21/10
Il prossimo 27 ottobre entra in vigore il Regolamento per la tenuta e l'aggiornamento dell'elenco unico...
 
Lunedì 21/10
E' partito il 16 ottobre il corso di formazione online gratuita sui temi della protezione dei dati, con...
 
Venerdì 18/10
Con la sentenza n. 24210 del 30 settembre 2019 la Corte di Cassazione, III Sezione Civile, ha affermato...
 
Giovedì 17/10
Il 7 ottobre scorso è stata presentata, presso il Ministero per i beni e le attività culturali e per...
 
Giovedì 17/10
L'Istat ha pubblicato i dati dell'economia non osservata (sommersa e da attività illegali) che, nell'anno...
 
Venerdì 11/10
Il Consiglio Nazionale Forense, nella sentenza n. 224 del 28 dicembre 2018, ha affermato il principio...
 
Giovedì 10/10
Dopo una lunga istruttoria, l'Autorità nazionale anticorruzione (ANAC) - con Delibera n. 782 del 4 settembre...
 
Martedì 08/10
Il decreto legislativo 13 luglio 2017, n. 116 ha esteso la tutela previdenziale assistenziale obbligatoria...
 
Martedì 08/10
Vista l'imminente entrata in vigore della norma che di fatto abroga la prescrizione del reato dopo la...
 
Lunedì 07/10
Il D.Lgs. 546/1992 (art. 16 bis) prevede che le parti processuali ricevono le comunicazioni inerenti...
 
Venerdì 04/10
E' stato pubblicato, dal Consiglio Nazionale del Notariato, uno studio (n. 110-2019/I) dal titolo "Riflessi...
 
Venerdì 04/10
Un professionista (nel caso specifico un ingegnere o un architetto), inquadrato come lavoratore dipendente,...
 
Giovedì 03/10
Cassa Forense informa che da domani, 4 ottobre, sarà possibile accedere alla piattaforma di e-learning...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330