Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Proroghe di tutti i versamenti fino al 20 marzo. Ma dopo diventa complicato e con diverse eccezioni

Mercoledì 18/03/2020

a cura di Meli e Associati


Il DECRETO-LEGGE 17 marzo 2020 , n. 18 portante Misure di potenziamento del Servizio sanitario nazionale e di sostegno economico per famiglie, lavoratori e imprese connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19 estende ad ulteriori settori le agevolazioni previste dal decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9, che aveva sospeso fino al 30 aprile 2020, per le imprese turistico-ricettive, per le agenzie di viaggio e turismo e per i tour operator, i versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati, nonché gli adempimenti e i versamenti dei contributi previdenziali e assistenziali e dei premi per l'assicurazione obbligatoria.

La stessa sospensione si applica ora anche ai seguenti soggetti (art. 61):
  1. federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, associazioni e società sportive, professionistiche e dilettantistiche, nonché soggetti che gestiscono stadi, impianti sportivi, palestre, club e strutture per danza, fitness e culturismo, centri sportivi, piscine e centri natatori;
  2. soggetti che gestiscono teatri, sale da concerto, sale cinematografiche, ivi compresi i servizi di biglietteria e le attività di supporto alle rappresentazioni artistiche, nonché discoteche, sale da ballo, nightclub, sale gioco e biliardi;
  3. soggetti che gestiscono ricevitorie del lotto, lotterie, scommesse, ivi compresa la gestione di macchine e apparecchi correlati;
  4. soggetti che organizzano corsi, fiere ed eventi, ivi compresi quelli di carattere artistico, culturale, ludico, sportivo e religioso;
  5. soggetti che gestiscono attività di ristorazione, gelaterie, pasticcerie, bar e pub;
  6. soggetti che gestiscono musei, biblioteche, archivi, luoghi e monumenti storici, nonché orti botanici, giardini zoologici e riserve naturali;
  7. soggetti che gestiscono asili nido e servizi di assistenza diurna per minori disabili, servizi educativi e scuole per l'infanzia, servizi didattici di primo e secondo grado, corsi di formazione professionale, scuole di vela, di navigazione, di volo, che rilasciano brevetti o patenti commerciali, scuole di guida professionale per autisti;
  8. soggetti che svolgono attività di assistenza sociale non residenziale per anziani e disabili;
  9. aziende termali di cui alla legge 24 ottobre 2000, n. 323, e centri per il benessere fisico;
  10. soggetti che gestiscono parchi divertimento o parchi tematici;
  11. soggetti che gestiscono stazioni di autobus, ferroviarie, metropolitane, marittime o aeroportuali;
  12. soggetti che gestiscono servizi di trasporto merci e trasporto passeggeri terrestre, aereo, marittimo, fluviale, lacuale e lagunare, ivi compresa la gestione di funicolari, funivie, cabinovie, seggiovie e ski-lift;
  13. soggetti che gestiscono servizi di noleggio di mezzi di trasporto terrestre, marittimo, fluviale, lacuale e lagunare;
  14. soggetti che gestiscono servizi di noleggio di attrezzature sportive e ricreative ovvero di strutture e attrezzature per manifestazioni e spettacoli;
  15. soggetti che svolgono attività di guida e assistenza turistica;
  16. alle organizzazioni non lucrative di utilità sociale di cui all'articolo 10, del decreto legislativo 4 dicembre 1997, n. 460 iscritte negli appositi registri, alle organizzazioni di volontariato iscritte nei registri regionali e delle province autonome di cui alla legge 11 agosto 1991, n. 266, e alle associazioni di promozione sociale iscritte nei registri nazionale, regionali e delle province autonome di Trento e Bolzano di cui all'articolo 7 della legge 7 dicembre 2000, n. 383, che esercitano, in via esclusiva o principale, una o più attività di interesse generale previste dall'articolo 5, comma 1 del decreto legislativo 3 luglio 2017, n.117.


Per tutte queste imprese sono sospesi anche termini dei versamenti relativi all'IVA in scadenza nel mese di marzo 2020.

I versamenti sospesi (IVA, ritenute e contributi) andranno effettuati, senza applicazione di sanzioni e interessi, in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020. Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.

Per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e le società sportive, professionistiche e dilettantistiche, la sospensione si applica fino al 31 maggio 2020 con relativi versamenti da effettuarsi in un'unica soluzione entro il 30 giugno 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di giugno 2020.

ATTENZIONE:


- la sospensione riguarda solo le imposte e contributi espressamente elencati. Non vale quindi, per esempio, per la Tassa di Concessione Governativa
- la sospensione riguarda i versamenti delle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilati e non anche le altre ritenute (come per esempio la ritenuta d'acconto sui compensi di professionisti, agenti e lavoratori autonomi)
- nella circolare n. 37/2020, l'INPS ha comunicato che "La sospensione contributiva fino al 30 aprile 2020 degli adempimenti e dei versamenti contributivi è concessa ai predetti soggetti, ivi compresa la quota a carico dei lavoratori dipendenti. Il datore di lavoro privato o il committente sono responsabili del versamento della quota a carico del lavoratore e, pertanto, nel caso in cui essi usufruiscano della sospensione contributiva, verrà sospesa sia la quota a proprio carico, sia quella a carico del lavoratore. Il datore di lavoro o il committente che sospende il versamento della contribuzione, ma che contemporaneamente opera la trattenuta della quota a carico del lavoratore, è tenuto obbligatoriamente a versare quest'ultima alle ordinarie scadenze legali di versamento". Secondo questa interpretazione, se un datore di lavoro ha operato anche la trattenuta di contributi a carico del lavoratore sugli stipendi erogati a febbraio 2020, oltre che quella a proprio carico e le ritenute fiscali, alla scadenza versamento del 20 marzo dovrà versare "regolarmente" i contributi corrispondenti alla quota a carico del lavoratore.



Disposizioni per gli altri settori

Il Decreto (art. 62) prevede la sospensione dei soli adempimenti tributari, diversi dai versamenti e diversi dall'effettuazione delle ritenute alla fonte e delle trattenute relative all'addizionale regionale e comunale, per il periodo dall'8 marzo al 31 maggio 2020 (rimanendo fermo quanto già previsto dal decreto-legge 2 marzo 2020, n. 9 con riferimento ai termini relativi alla dichiarazione dei redditi precompilata 2020).

Per quanto riguarda invece i VERSAMENTI:
  • i titolari di partita IVA di minori dimensioni, individuati in base ai ricavi o ai compensi non superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta precedente, potranno non procedere ai versamenti in scadenza nel mese di marzo, relativi alle ritenute alla fonte sui redditi di lavoro dipendente e assimilato, alle trattenute dell'addizionale regionale e comunale, all'IVA, ai contributi previdenziali e assistenziali, nonché ai premi INAIL. I versamenti sospesi andranno effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020. Non si fa luogo al rimborso di quanto già versato.
  • per gli altri soggetti (quelli individuati in base ai ricavi o ai compensi superiori a 2 milioni di euro nel periodo di imposta precedente) il Decreto proroga al 20 marzo 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi, i termini di tutti i versamenti verso le amministrazioni pubbliche in scadenza il 16 marzo 2020. Ai soggetti esercenti attività d'impresa, arte o professione che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nelle Province di Bergamo, Cremona, Lodi e Piacenza, limitatamente all'IVA, si applica la proroga al 31 maggio a prescindere dal fatturato.
  • per i soggetti che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa negli 11 comuni della c.d. "zona rossa" restano ferme le disposizioni di cui all'articolo 1 del decreto del Ministro dell'economia e delle finanze 24 febbraio 2020, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 48 del 26 febbraio 2020.


ATTENZIONE: per le sospensioni dei versamenti oltre il 20 marzo, valgono le stesse precisazioni riportate sopra in merito alle altre imposte, alle ritenute e ai contributi a carico dei lavoratori dipendenti.

In favore dei soggetti di più ridotte dimensioni con ricavi o compensi non superiori a 400.000 euro nel periodo di imposta precedente a quello in corso e che nel mese precedente non hanno sostenuto spese per prestazioni di lavoro dipendente o assimilato, è prevista la possibilità di non assoggettare a ritenuta d'acconto i ricavi/compensi percepiti nel periodo compreso tra la data di entrata in vigore del Decreto e il 31 marzo 2020. L'ammontare delle ritenute d'acconto non operate dai sostituti dovrà essere versato direttamente dal contribuente in un'unica soluzione entro il 31 maggio 2020 o mediante rateizzazione fino a un massimo di 5 rate mensili di pari importo a decorrere dal mese di maggio 2020, senza applicazione di sanzioni e interessi.

Sospensione cartelle e attività accertamento

Il decreto (art.67 e 68) sospende anche i termini delle cartelle di pagamento e degli accertamenti esecutivi di Agenzia Entrate e enti previdenziali in scadenza tra l'8 marzo e il 31 maggio. I relativi versamenti dovranno essere effettuati entro il 30 giugno 2020.

La sospensione riguarda espressamente i pagamenti derivanti dalle cartelle di pagamento, dagli avvisi di accertamento esecutivi (art. 29 del DL 78/2010, IVA, imposte sui redditi e IRAP, L. 160/2019, tributi locali) e dagli avvisi di addebito INPS (art. 30 del DL 78/2010). Manca, però, un rinvio che estenda la sospensione dei pagamenti derivanti da atti diversi da quelli richiamati esplicitamente. Per esempio la sospensione non è prevista per i pagamenti derivanti dai cosiddetti "avvisi bonari" ossia dalle comunicazioni inviate dalle Entrate per la liquidazione automatica, secondo quanto previsto dall'art. 36-bis del DPR 600/73 e 54-bis del DPR 633/72, o derivanti dal controllo formale (emessi ex art. 36-ter del DPR 600/73).

Sono inoltre sospese le attività di controllo, accertamento, riscossione e contenzioso da parte dei vari enti impositori.

Quadro sinottico elaborato da Studio Meli il 18 marzo 2020.
Le ultime news
Giovedì 26/03
Con una delibera approvata nella seduta straordinaria del 20 marzo scorso ed inviata agli Ordini locali...
 
Giovedì 26/03
Con una delibera approvata il 20 marzo scorso il Consiglio Nazionale Forense ha disposto la sospensione...
 
Mercoledì 25/03
Cassa Forense e Unisalute, nell'ambito della copertura assicurativa della Polizza collettiva sanitaria,...
 
Venerdì 20/03
La Corte di Cassazione, alla luce delle disposizioni previste dal decreto "Cura Italia" (DL...
 
Venerdì 20/03
L'Organismo Congressuale Forense ha pubblicato un documento illustrativo in tema di fiscalità e altre...
 
Mercoledì 18/03
Il Decreto "Cura Italia", tramite il quale il Governo ha stanziato 25 miliardi a favore di...
 
Venerdì 13/03
Con un Comunicato dell'11 marzo Cassa Forense informa che, considerata la situazione eccezionale venutasi...
 
Lunedì 09/03
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 53 del 02-03-2020 è stato pubblicato il Decreto 27 dicembre 2019 del Ministero...
 
Venerdì 06/03
Il Consiglio Nazionale del Notariato ha pubblicato lo Studio n. 50-2019/E dal titolo "Il portale...
 
Giovedì 05/03
Il 28 febbraio scorso il Ministro della Giustizia e il Presidente del Consiglio Nazionale Forense hanno...
 
Giovedì 05/03
Con 426 voti favorevoli e 169 contrari, la Camera ha approvato, in data 27 febbraio 2020, il decreto...
 
Mercoledì 04/03
La Corte di Cassazione, Terza Sezione Penale, con la sentenza n. 7596 del 26 febbraio 2020 si è espressa...
 
Martedì 03/03
I Comuni, prima di pubblicare documenti sull'albo pretorio on line, devono accertarsi che siano oscurate...
 
Lunedì 02/03
Sussiste violazione del diritto di presentare ricorso ad un tribunale sulla legittimità della detenzione...
 
Lunedì 02/03
Il ricorso per cassazione deve contenere l'esposizione chiara ed esauriente, sia pure non analitica o...
 
Venerdì 28/02
A seguito delle disposizioni governative e ministeriali relative all'emergenza coronavirus il Consiglio...
 
Venerdì 28/02
Anche la Corte di Cassazione ha pubblicato, in data 25 febbraio 2020, le indicazioni operative per le...
 
Mercoledì 26/02
Sul sito internet del Ministero della Giustizia sono state pubblicate le linee programmatiche per il...
 
Mercoledì 26/02
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato il Provvedimento 20 febbraio 2020 che dispone lo scorrimento...
 
Martedì 25/02
L'uso intensivo di dispositivi video - si legge al punto 1 dell'introduzione - ha un impatto sul comportamento...
 
Lunedì 24/02
Il datore di lavoro non è responsabile dell'infortunio del dipendente che, nonostante fosse adeguatamente...
 
Giovedì 20/02
Newsletter del Garante Privacy n. 462 del 18 febbraio 2020. Il datore di lavoro che adotta procedure...
 
Mercoledì 19/02
Il Consiglio dei Ministri, nella seduta del 13 febbraio 2020 ha approvato un disegno di legge che prevede...
 
Giovedì 13/02
Il Ministero della Giustizia ha pubblicato l'aggiornamento delle Linee guida per i corsi di formazione...
 
Giovedì 13/02
Con la sentenza n. 5290 del 10 febbraio 2020 la Corte di Cassazione, Sezione Terza Penale, si è espressa...
 
Mercoledì 12/02
Cassa Forense ha pubblicato sul proprio sito internet un'informativa sulle nuove modalità di riscossione...
 
Martedì 11/02
Sul sito internet della Giustizia Amministrativa è stato pubblicato il Bando per n. 8 posti per tirocini...
 
Venerdì 07/02
Cassa Forense informa che, insieme alle altre Casse di Previdenza di Medici e Odontoiatri (Enpam) ed...
 
Venerdì 07/02
Con la sentenza n. 299 del 10 gennaio 2020 le Sezioni Unite Civili della Corte di Cassazione si sono...
 
Giovedì 06/02
Da una corretta lettura dell'art. 83, D.Lgs. 6 settembre 2011, n. 159 (Codice delle leggi antimafia)...
 
Giovedì 06/02
Una sanzione da 27.802.946 euro da parte del Garante per la protezione dei dati personali a Tim Spa,...
 
Mercoledì 05/02
Il reato di omissione di soccorso aggravato dall'evento è configurabile solo quando si accerta, in forza...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330