Telefono e Fax
Tel: 0523-384131 Fax: 0523-332032

Se la Cassazione sbaglia il rimedio è l'impugnazione per correzione o per revocazione

Martedì 22/12/2020, a cura di Avv. Paolo Alliata


L’ordinanza n. 29076 del 18.12.2020 si occupa di un caso abbastanza curioso.
Il ricorrente aveva presentato ricorso in Cassazione avverso una sentenza della CTR Piemonte che lo vedeva soccombente e non avendo più nulla saputo dell'esito di tale ricorso, decise di aderire alla definizione agevolata delle liti pendenti, di cui al d.l. n. 98 del 2011, convertito, con modificazioni, in I. n. 111 del 2011.
Da quel che gli constava, infatti, la lite era ancora pendente in Cassazione.
In seguito egli  ricevette una cartella di pagamento, sul presupposto che la controversia in relazione alla quale il contribuente aveva manifestato l'adesione alla definizione agevolata era stata già definita dalla Corte di Cassazione con provvedimento emesso prima dell’entrata in vigore della legge agevolatrice.
Secondo la tesi del contribuente la lite era pendente al momento in cui egli aderì alla procedura di definizione delle liti pendenti, visto che egli non aveva mai avuto comunicazione della fissazione dell'udienza di discussione del ricorso dinanzi alla Suprema Corte.
La Corte di Cassazione con l’ordinanza in commento ha ritenuto tale motivo infondato.
Rileva la Corte che l'art. 39, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011, convertito con modificazioni in legge n. 111 del 2011, è entrato in vigore il 6 luglio
2011, il giorno stesso della sua emanazione e della sua pubblicazione in Gazzetta Ufficiale (art. 41 del citato d.I.).
Il ricorso per cassazione proposto nel 2009, dal canto suo, è stato deciso con ordinanza depositata il 9/6/2011.
La CTR correttamente ha quindi affermato che, quando ai contribuenti la legge ha attribuito il diritto di definire in via agevolata le controversie pendenti, quella che interessava definire al ricorrente non era più pendente, in quanto chiusa irrevocabilmente con provvedimento giudiziario nel giugno 2011.
Né rileva che il ricorrente non avesse avuto comunicazione della fissazione dell'udienza nella quale il ricorso si sarebbe dovuto decidere, in violazione dell'art. 377 c.p.c.: ai fini dell'esercizio del diritto alla definizione agevolata attribuito dalla legge, la pendenza della lite (anche) al tempo dell'entrata in vigore della norma che quella definizione agevolata consente costituisce un presupposto indispensabile, visto che se la controversia non fosse pendente verrebbe meno la stessa ratio dell'istituto della definizione agevolata.
Se il ricorrente avesse voluto tentare di avvalersi della definizione agevolata di cui all'art. 39, comma 12, del d.l. n. 98 del 2011, avrebbe dovuto impugnare l'ordinanza della Corte di Cassazione ex art. 391 bis c.p.c. ed ottenere almeno una pronuncia rescindente del provvedimento impugnato.
In conclusione, il ricorso viene rigettato.
A volte non basta conoscere bene solo le norme fiscali, è importante sapersi districare anche con la procedura civile.
 
Per il testo integrale clicca qui.
Le ultime news
Venerdì 15/01
La nozione di pari uso della cosa comune, cui fa riferimento l'art. 1102 del Codice Civile, seppur...
 
Giovedì 14/01
Con l'Ordinanza n. 28 del 7 gennaio 2021 la Corte di Cassazione, VI Sezione Civile, ha chiarito che l'accertamento...
 
Mercoledì 13/01
Sulla Gazzetta Ufficiale n. 232 del 31-12-2020 è stato pubblicato il Decreto 31 dicembre 2020...
 
Mercoledì 13/01
Sul sito internet della Giustizia Tributaria sono state pubblicate le statistiche sull’invio delle...
 
Lunedì 11/01
La Legge di bilancio 2021 (commi 1015-1022) prevede, nel processo penale, che all'imputato assolto con...
 
Venerdì 08/01
Dal 1° gennaio 2021 è  in vigore il Regolamento Unico della Previdenza Forense, deliberato...
 
Venerdì 08/01
Differenza tra onere di motivazione e onere della prova a carico dell’Agenzia delle Entrate. Il...
 
Lunedì 21/12/2020
Cassa Forense fa sapere che anche gli Avvocati, dal 2021, potranno utilizzare i crediti vantati nei confronti...
 
altre notizie »
 

Studio Legale Associato Camussi

Via Roma, 48 - 29121 Piacenza (PC)

Tel: 0523-384131 - Fax: 0523-332032

Email: studiolegale.camussi@libero.it

P.IVA: 01590050330